[logo] Movimento Costozero
ti trovi in: [H] Home Page > [5] Utilità > ZEROSIGN


ZEROSIGN


[immagine] Simbolo di ZEROSIGN

ZEROSIGN è un progetto rivolto a chi intende beneficiare dei vantaggi offerti dalla firma elettronica (possibilità di attribuire o non attribuire a sé determinati documenti informatici, di accertarsi dell'identità del sottoscrittore, di soddisfare la forma scritta [1] ove richiesta, di evitare la nullità delle clausole vessatorie presenti in taluni contratti [2], di gestire la firma multipla... ) in modo facile e sicuro.

L'associazione fornisce gratuitamente a chi non è in possesso di un certificato di firma elettronica qualificata [3], un certificato di firma elettronica [4]. La firma elettronica e la verifica della validità della stessa potranno essere effettuate con un software innovativo e di semplice utilizzo: Javasign.

L'associazione, svolgendo una funzione di certificatore semplice, identifica il richiedente e gli invia un certificato di firma elettronica (in formato p12), pronto per essere utilizzato con Javasign.


[1] art. 20, comma 1-bis, del Codice dell'amministrazione digitale:
L'idoneità del documento informatico a soddisfare il requisito della forma scritta è liberamente valutabile in giudizio, tenuto conto delle sue caratteristiche oggettive di qualità, sicurezza, integrità ed immodificabilità.

[2] art. 1341, comma 2, del codice civile:
Non hanno effetto, se non sono specificamente approvate per iscritto, le condizioni che stabiliscono, a favore di colui che le ha predisposte, limitazioni di responsabilità.

[3] art. 21, comma 2, del Codice dell'amministrazione digitale:
Il documento informatico, sottoscritto con firma digitale o con un altro tipo di firma elettronica qualificata, ha l'efficacia prevista dall'articolo 2702 del codice civile.

art. 2702 del codice civile:
La scrittura privata fa piena prova, fino a querela di falso, della provenienza delle dichiarazioni da chi l'ha sottoscritta, se colui contro il quale la scrittura è prodotta ne riconosce la sottoscrizione, ovvero se questa è legalmente considerata come riconosciuta.

[4] art. 21, comma 1, del Codice dell'amministrazione digitale:
Il documento informatico, cui è apposta una firma elettronica, sul piano probatorio è liberamente valutabile in giudizio, tenuto conto delle sue caratteristiche oggettive di qualità, sicurezza, integrità e immodificabilità.


ISTRUZIONI PER L'USO

Ricordiamo che ai sensi dell'articolo 495-bis del codice penale chiunque dichiara o attesta falsamente al soggetto che presta servizi di certificazione delle firme elettroniche l'identità o lo stato o altre qualità della propria o dell'altrui persona è punito con la reclusione fino ad un anno.


Per informazioni: info @ costozero.org



| Valid XHTML 1.0 | Valid CSS | Nota sul copyright | Per informazioni: info@costozero.org |